Il Gruppo Alpini di Parona presenta presso il Teatro Parrocchiare di Via F.lli Alessandri, 15 il racconto di Mauro Neri, “Scemo di guerra – Storia di un cappellano militare e di un prete di trincea”.

Tale racconto si basa sul diario realmente scritto da un sacerdote milanese, don Primo Discacciati che fu inviato col grado di capitano sulla linea del fronte con l’Austria nella borgata di Storo.

Il diario di don Primo, compilato con diligenza quasi quotidiana dal 1915 al 1918, improvvisamente nel giugno 1917 ha un “buco” di alcune settimane. E’ in questa finestra temporale senza riferimenti che s’introduce l’Autore, immaginando don Primo alle prese con un difficile caso di “scemo di guerra” che è chiamato a risolvere nel forte San Marco di Caprino Veronese, a quell’epoca destinato al ricovero dei fanti di ritorno dalle prime linee e a prigione.

Sarà quella di don Primo e del suo giovane assistente Alcide, un’avventura umana che scaverà fine nel profondo delle esistenze, alla ricerca delle radici di quel Male che fa nascere i conflitti e le guerre e che lo porterà a capire che le regole – soprattutto quelle militari – a volte vanno per forza di cose violate quando si vuole rispettare e preservare il valore immenso della vita umana.

La lettura teatrale dello “Scemo di Guerra”, interpretata e diretta dal suo autore Mauro Neri e da Maurizio Marogna, è accompagnata dai canti di guerra eseguiti dai coristi del Coro Ana di S.Massimo (VR).